Paolo Scirpa english

Il grande oggetto di Scirpa
Di Corrado Maltese
23 gennaio 1976

Scirpa parla di macro-oggetti e mostra immagini; ancora: parla di immagini e mostra oggetti. Ha ragione in entrambi i casi, ma occorre precisare un punto: qual è il limite di un macro – oggetto? Cioè dove comincia una grandezza sufficiente a far [...]
... leggi tutto   

Accumulazione astrattizzante e dinamica visiva di Paolo Scirpa
Di Roberto Sanesi
1975

Presentando se stesso, nel 1972, alla Galleria San Fedele di Milano, Paolo Scirpa dichiarava, fra l’altro, che scopo del proprio lavoro era “tentare di esprimere… il fenomeno tecnologico che coinvolge l’intera società” – [...]
... leggi tutto

Paolo Scirpa: riqualificazione del modulo pubblicitario
Di Domenico Cara
1974

L’anatomia dell’oggetto come verifica dello stile pubblicitario di un contenitore, ha trovato in Paolo Scirpa un nuovo ideografo estremamente razionale, antiromantico, che si porta sulle attitudini di un dadaismo il quale – attraverso i relitti del [...]
... leggi tutto   

Paolo Scirpa
Di Carlo Munari
1972

La disposizione all’environnement di Paolo Scirpa è sollecitata da una precisa istanza sociologica, dalla volontà cioè di smascherare l’ “ordine” assurdo che irretisce l’uomo contemporaneo, mutilandolo della sua stessa [...]
... leggi tutto

Paolo Scirpa: processo di ricerca
Di Pedro Fiori
1972

La dinamica del “processo di ricerca” che Paolo Scirpa presenta in questa personale implica alla base della sua immagine –l’ “Habitat” – una unità di convergenze che include componenti strutturali e percettive, disposte [...]
... leggi tutto

Paolo Scirpa
Di Vittorio Fagone
1969

Sono ormai alcuni anni che Paolo Scirpa centra, quasi in maniera elusiva, il suo interesse sul mondo della grafica preoccupandosi più di raggiungere una vitale e progressiva determinazione espressiva che di misurarne estensioni di relazione (o efficacia).A [...]
... leggi tutto

Gli attimi del tempo
Di Gabriel Mandel
1969

L’angoscia del tempo va distruggendo ogni sapore di vita che il tempo ci ha dato controvoglia quando la civiltà contemporanea ha inventato la velocità. Oggi il far presto consuma; ma questa corsa la si può cristallizzare franando [...]
... leggi tutto   

Le pagine incise di Paolo Scirpa
Di Antonino Uccello
1967

Certo c'è ancora chi ricorda la serena quiete della riviera ionica, tra Augusta e Siracusa, di rocce a picco e di coltri di sabbia e larghe braccia di mare su scogli e tonnare, tra distese di aranci e pale di fichidindia, come nell'alone di certe [...]
... leggi tutto