Paolo Scirpa english

I bui specchi di Scirpa
Di Corrado Maltese
19 maggio 1984

Può un’immagine prodotta da uno specchio essere spazio e dunque cosa? Può la luce essere buio? Anzi: può una luce infinita essere buio infinito? Anni fa dovetti affrontare la questione per comprendere ciò che Paolo Scirpa chiamava [...]
... leggi tutto   

Arte e luce a Caen: Scirpa
Di Annette Malochet
31 ottobre 1982

Luce – colore – spazio: intorno a questi termini – elementi fondamentali – si svolge il “gioco” dei segni/luce che Scirpa fa muovere nella scultura collocata nella hall della Biblioteca Comunale della città normanna di [...]
... leggi tutto

Paolo Scirpa
Di Luciano Caramel
1981

La novità saliente, nell’ultima attività di Paolo Scirpa, è l’attenzione per una dimensione urbana, che si concreta in progetti di intervento in scala appunto urbana, fuori delle circoscrizioni della tela, o dell’oggetto.Data la [...]
... leggi tutto

Un tunnel verso l’ignoto
Di Bruno Munari
1980

Operando sui perimetri delle tre forme basilari: il triangolo equilatero, il quadrato e il cerchio e applicando le due più semplici regole della simmetria: la traslazione e l’espansione, Scirpa progetta degli oggetti tridimensionali e delle pitture dove la [...]
... leggi tutto   

Paolo Scirpa
Di Alberto Veca
1980

Gli esiti grafici, o comunque bidimensionali, a cui è recentemente giunto il lavoro di Paolo Scirpa discendono o comunque nascono in stretta connessione con le sperimentazioni tridimensionali che per anni hanno costituito l’interesse principale [...]
... leggi tutto   

Megalopoli consumistica
Di Gillo Dorfles
1980

L’artista ha reso qui l’effetto di accumulo oggettuale e di perdita intervallare rispecchiante la condizione del moderno panorama urbano, attraverso un abile gioco dovuto alla specularità dell’immagine. Milano, [...]
... leggi tutto   

topocronoplastici anaspaziali + grafemi a combinatorietà computata: paolo scirpa
Di Carlo Belloli
1979

Mentre l’ingegneria genetica è notevolmente progredita nello studio dei segnali che identificano l’inizio e il termine dei geni sul nastro del materiale genetico, permettendo nuove ipotesi sui fenomeni di regolazione della funzione dei geni, almeno [...]
... leggi tutto   

Il pittore
Di Silvio Ceccato
1978

Come dipingevi? Perché lavoravi così? Ed ora perché operi così? Chi, come me, non faccia professione di critico d’arte e di critico in generale, è poco propenso a formulare giudizi di valore. In particolare, dopo le analisi [...]
... leggi tutto   

Paolo Scirpa
Di Demetrio Paparoni
1977

L’arte di Paolo Scirpa, razionale ed in armonia con il moderno mondo tecnologico, ci offre un rapporto. Inizia con il verificare il nostro comportamento nel vederci restituita la nostra immagine speculare arricchita del contesto del “tutto” [...]
... leggi tutto   

Paolo Scirpa
Di Miklos N. Varga
1976

Nel giro di sei-sette anni, Paolo Scirpa ha elaborato una “strategia dell’attenzione” incentrata su tre filoni: la città, colta a volo aereo e ridotta a essenziale planimetria di percorsi intrecciati; l’oggetto moltiplicato [...]
... leggi tutto